Pagine

Road to Valencia: part 1

La strada che porta alla Mezza Maratona di Valencia, nello specifico!
Sarà la mia prima mezza.

Un percorso che è iniziato circa un anno fa’.
Ma qui ci vuole un bel flash-back, in stile cinematografico!

Devo confessarlo, se allora  mi avessero prospettato la cosa, mi sarei fatto una grande risata. Poi un giorno (13 agosto 2014) Tiziana mi gira un link ad un post su di un blog di podismo del suo amico Massi: click. Certe cose accadono come per magia, non si sa perché, lo leggo e da quel momento qualcosa nella mia testa fa clic.
Ho iniziato a correre, Runtastic è diventato un grande amico e Massi anche. Benedetto sia il creatore dei Podisti Anonimi!


Dicono che una volta che inizi a correre, diventi dipendente dallo stato di benessere che ne hai: è vero! Per me vale tanto anche pormi degli obbiettivi e cercare di migliorare. Il mio primo obbiettivo è fare la mia prima 10km: la Deejay Ten il 5 di ottobre fa’ proprio al caso mio. Una volta capito che ce la faccio diventa tutto ancora più divertente: il buon Massi mi invita alla mia prima tapasciata, Stradesio. Qui apprezzo per la prima volta il piacere della corsa e del dopo corsa in compagnia, insieme ad Andrea e Massi (click).
Le corse successive saranno Stramilano, staffetta alla Milano Marathon, Milanino sotto le Stelle, fino alla recente 10Km del Parco Nord con il gruppo dei Podisti Anonimi. (Andrea, grazie della maglietta, pegno pagato con piacere)

Un crescendo di soddisfazione.


Qui dovremmo tornare a parlare di Valencia, ma ci vuole un altro flash-back, prima.
Il 2 maggio sembra un sabato come tanti, mi sveglio presto, ho già tutto pronto in cucina per non svegliare la famiglia, maglietta, pantaloncini, scarpe e il Tomtom. Parto. Ho deciso che farò un giro un po’ più lungo del solito, cambio dal solito percorso intorno al Parco Nord. Decido di non controllare il tempo e la distanza. La temperatura è perfetta, io mi sento veramente bene, corro felice. Non sento la stanchezza, che bello. Ormai mi rendo conto anche senza orologio di quanta strada posso aver fatto, so di aver corso più del solito, non resisto: 13,5km! Mica male! Ma sto proprio bene, vado avanti. Mi lascio il ponte del Parco Nord alle spalle, 17km. A questo punto l’idea dei mitici 21Km si fa strada nella mia testa. Ma sì, ce la posso fare. Mi inoltro a Milanino per cercare qualche altro Km. Il 18° è duro ma una volta superato questo momento mi involo verso casa con la leggerezza che solo l’adrenalina di aver raggiunto un risultato un tempo solo sognato ti può dare. Alla fine saranno 2:22:46 a 6:47 min/km per 21.03km!!

Valencia nasce qui e da un WhatsApp di Massi il 2 maggio 2015, ma questa storia la vedremo un’altra volta.
Il 18 ottobre 2015 saremo sulla linea della partenza.
Seguono aggiornamenti… buona corsa a tutti!

PS: Massi dice che la farò sotto le 2 ore... ti voglio credere amico!!

6 commenti:

  1. Innanzitutto, grazie per la benedizione e i ringraziamenti. La maglietta è nulla, davvero.
    Quanto a Valencia, il mio consiglio è di non prestare troppa attenzione al tempo. Quello arriverà.
    Ma più che altro, chiedi a Massi di mandarti una foto della sua caviglia, se non l'ha già fatto. E prega il tuo dio, se ne hai uno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti l'importante è la strada che farò per arrivare, la corsa sarà la conclusione! Comunque grazie mio guru 😉

      Elimina
  2. Dimenticavo: la gif è geniale!

    RispondiElimina
  3. Più passa il tempo e più si rafforza in me l'idea che la corsa sia proprio uno sport di squadra e che nessuna squadra rappresenti questa idea meglio dei podisti Anonimi! Ognuno di noi ha motivazioni diverse, stili diversi, tempi diversi, obiettivi diversi (e tutte diverse del resto sono le nostre maglie...), ma ognuno di noi ha un'unica passione per la corsa e la capacità e l'entusiasmo di trasmetterla. Come Andrea ha fatto con me col blog, con le chiacchiere al parchetto e alla fermata dell'88 e poi col Cinghio (forza Cinghio, ti aspetto all'ottavo!!!), la Ba, Marco, e adesso col giovane Nevio così io con un pizzico di orgoglio e con l'immancabile lacrimuccia che mi contraddistingue leggo le righe del mio amico Filippo e sorrido felice di questa nuova avventura! La strada per Valencia è lunga, ma noi ci arriviamo insieme e non c'è caviglia gonfia che ci possa fermare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va beh, ma allora vuoi far commuovere anche me!! guarda che poi la Tua amica diventa ancora più gelosa ah ah!! Comunque condivido tutto ciò che hai detto!! Alla grande!!

      Elimina
  4. P.S. la gif... come piacerebbe saper fare una roba così 2.0 anche a me!!! #invidia

    RispondiElimina